Ue applica il dazio sui pannelli made in China

Sarà applicabile da giugno a dicembre 2013 il regolamento 513/2013/Ue della Commissione, che istituisce un dazio antidumping provvisorio sulle importazioni di pannelli fotovoltaici dalla Cina.
Nei primi due mesi il dazio sarà pari all’11,8%, dal 6 agosto prossimo in poi le percentuali oscilleranno da un minimo del 37,3% a un massimo del 67,9%, a seconda della collaborazione dimostrata dalle singole aziende cinesi. Al termine dei sei mesi, l’Ue dovrà decidere se stabilizzare la misura (fino a 5 anni) o meno.
Secondo quanto dichiarato dal Commissario Ue al Commercio in sede di presentazione del provvedimento, il regolamento 513/2013/Ue non rappresenta una forma di protezionismo ma una misura di emergenza indispensabile per poter dare un po’ di ossigeno ad un settore europeo strategico, entrato in forte difficoltà a seguito delle procedure anticoncorrenziali seguite dalla Cina al fine di esportare i moduli.

Ti potrebbero interessare questi articoli